Biografia generale

 

- Nasce una prima formazione del gruppo composta da 5 elementi Pierangelo alle chitarre, Claudio al basso, Vincenzo e Stefano alle tastiere e Emiliano alla batteria. Il gruppo esordisce come “M  Five”  al IV concorso “Insieme in amicizia” organizzato dal GRUPPO ALBATROS per la raccolta di fondi al progetto Pro-Madagascar con il brano "Concerto per un oasi" -

 

- Il gruppo è ospite, questa volta come “Random”, all’iniziativa benefica V concorso “Insieme in amicizia” organizzato dall' ALBATROS Pro-Zaire, al salone della Provincia di Taranto è partecipe con la formazione di Pier alle chitarre, Claudio al basso, Rosaria al pianoforte e Cosimo alla batteria. Successivamente entra alle tastiere Antonio (COSANTO), grande arrangiatore ed effettista, da anni collaboratore della GEM e autore della maggior parte delle basi dei Pooh presenti sul mercato, dal quel momento intraprendono numerose serate nei locali della provincia -

 

 - Nell’autunno il gruppo entra con il nome di "Parsifal" in sala per la prima volta e proprio per la registrazione dell'omonimo brano dei Pooh con il quale partecipano alla manifestazione "Note e.." con la formazione: Pier, Claudio, Antonio e Giuseppe alla batteria. Alla quale seguono: la loro prima uscita radiofonica su Radio Oro, la prima comparsa televisiva sull'emittente televisiva privata Tele Trullo e i primi concerti nelle piazze della provincia, in una delle quali conoscono Fabiano, che da quel momento diventa uno dei loro più grandi amici e insostituibile collaboratore, un pò il loro "Dumbo" vestendo talvolta anche i panni di cameramen o fotografo -

 

 

 - Antonio lascia il gruppo per motivi di lavoro, e prende il suo posto un giovane e promettente pianista-cantante, Vanni. Presiedono l'apertura di varie serate di feste patronali e sagre delle province limitrofe alla zona di Taranto. Nasce il nome "Eyes" ispirato dalla lettura di una ricerca statistica su di un giornale femminile, alla domanda "cosa guardano per primo le donne negli uomini?"; le intervistate hanno risposto: gli "occhi", le "mani" e il "culo"!!! Chiamarsi "culo" non sarebbe stato molto elegante, perciò, fra "mani e "occhi" è stato scelto l'ultimo perchè ritenuto più accattivante  -  

 

 - Partecipano al Concorso Internazionale "Crisalide", si classificano al 3° posto alla giornata dell'arte e della creatività con tre brani dei Pooh e  nei due concorsi "L'ugola d'oro" e "Summer Festival" con il brano "Uomini soli". Con l'arrivo dell'estate Andrea prende il posto di Vanni alle tastiere ed entra Eugenio alla batteria. Prima uscita con la nuova formazione si ha alle selezioni nazionali al Festival di Napoli con il brano "La mia donna" che precede lo stage a Baia Domizia (Sa) nel quale il gruppo si distingue per le spiccate doti strumentali e vocali suscitando l'interesse della giuria e lo stupore dei restanti partecipanti. Segue allo stage l'incisione del loro primo inedito "Dentro me" e il successivo abbandono di Andrea dalla formazione, dopo il quale il gruppo decide di rimanere in 3 e di farsi accompagnare solo in live da un tastierista -

 

  - Ripartecipano al Concorso Internazionale "Crisalide" e sono invitati come ospiti alla "Crisalide in Tour", alle finali regionali di Miss Universo, di Miss Cinema e prendono parte, con il loro secondo inedito"Portami via con te", al Cerinfestival. Successivamente partecipano alle selezioni regionali dell'"Accademia di Sanremo" con il brano "Stai con me" nelle quali vengono premiati dalla soubrette Barbara come miglior gruppo e partecipano a numerose uscite televisive su reti locali come "Studio 100", "Rai tre regione", "Telenorba" e "Blustar". Passate le selezioni seguono gli stage nazionali a Sanremo, tenuti da numerosi artisti nel campo dello spettacolo, nei quali riscontrano un grande apprezzamento da parte del pubblico (...femminile?!?).

Al ritorno da Sanremo pubblicano il loro primo sito internet sul quale sono presenti tutte le informazioni sul progetto "Cover band Pooh" insieme a cenni biografici, strumentazioni utilizzate, date dei concerti ed alcuni inediti -

 

 

 

- Ospiti a Febbraio nella trasmissione "100 Mattina" su "Studio 100" cominciano a riarrangiare i due loro precedenti inediti e ultimano il loro primo brano strumentale "Luci e colori". In Aprile le chitarre degli Eyes partecipano ai seminari internazionali del Guitar Festival Soave 2003, durante i quali Dodi Battaglia presenta in anteprima il suo album solista "D'assolo". Il 19 Luglio presentano in pubblico il loro ultimo inedito "Vorrei" che riscuote un apprezzamento notevole in tutte le esibizioni del gruppo. A Settembre entra a far parte del gruppo Antonio, tastierista-cantante, conosciuto durante l'Accademia di Sanremo con il quale hanno suito stretto i legami grazie alla condivisa passione per i Pooh. Decidono quindi di seprare il "progetto Pooh" con il nome di "Hurricane" per dargli un'essenza propria ed utilizzare il nome Eyes solo nell'esecuzione dei brani inediti-

 

 

 

 - Viene pubblicato il sito www.poohcoverband.it esclusivamente dedicato al loro "Tributo ai Pooh", ambientato in una scenografia ispirata all'album "Amici x sempre", e  viene trasferito lì tutto il materiale riguardante. Per motivi di disaccordo Eugenio viene sostituito da Enrico, una vecchia conoscenza del gruppo, già batterista in alcune precedenti cover Band dei Pooh, ma vi milita per poco, purtroppo problemi personali portano Enrico ad abbandonare il progetto ma a seguirli comunque sempre molto da vicino. Prende il suo posto Lele, un grande musicista che seppur giovanissimo vanta già collaborazioni e frequenze in stage di rilievo. Aumentate le esigenze della band, nasce la necessità di un  luogo in cui avere  la possibilità di esprimere al meglio le loro potenzialità. Smontata la strumentazione presente nell'Eyes recording studio e acquistatane altra su specifiche dei Palasport nasce, con palese ispirazione all'Apricot Studio dei Pooh, l'Orange Studio nel quale i Palasport provano, registrano e progettano i loro Tour. Chiudono la stagione realizzando un loro piccolo sogno.. quello di suonare con qualcuno che nei Pooh c'è stato veramente.. Riccardo Fogli. Durante il Tour decidono di acquistare un proprio banco digitale in modo da gestire autonomamente i propri Live come già da tempo facevano in studio.

Per completare la catena di successi estivi e festeggiare l'entrata del nuovo batterista, viene presentato ufficialmente il nuovo nome ed in nuovo logo ancora più "Pooheggiante".. Ispirato al primo album Live dei Pooh gli "Hurricane" vengono ribattezzati "Palasport" -

 

 

 

 - Il nuovo anno si apre con l'intenzione di portare il progetto al di fuori dei confini della loro regione, aspirazione che però li porta alla ricerca di qualcuno in grado di condividere il loro progetto e supportare le loro richieste tecniche. Nasce così un fortunato sodalizio con il loro nuovo service, uno dei più attrezzati e preparati della regione, che fiducioso della loro preparazione tecnica, li segue nel Tour lasciando a loro la progettazione e la direzione di tutto lo spettacolo.

Il permesso dei Pooh ad utilizzare il logo creato sull'immagine del loro, è il giusto sprone a fare qualcosa di più, e non lesinando gli sforzi, dopo un intenso lavoro invernale che li ha portati a rinnovare lo spettacolo sotto l'aspetto tecnico ed organizzativo, comincia il loro Tour Nazionale, che li porta in lungo e in largo per lo stivale da Milano fino alla punta estrema della Sicilia con un piccolo tir recante il loro logo sulle fiancate. Il loro "Tributo ai Pooh" viene apprezzato da grandi e piccoli riempiendo enormi spazi fino a superare le 7.000 persone in alcune date. Sempre con la voglia di proporre qualcosa di più al proprio pubblico, durante il Tour progettano e fanno costruire su loro specifiche il logo luminoso, che come nei concerti dei Pooh, appare imponente alle loro spalle e alla fine  del Tour entra nel loro set-up un nuovo banco digitale e outboard della serie professionale che contribuiscono a progettare e caratterizzare personalmente il sound dei Palasport -

 

 

 

 - A Gennaio decidono di acquistare il loro primo laser, effetto storico utilizzato dai Pooh, ed una console luci che consentirà di arricchire la personale direzione e programmazione luci da qui in avvenire di tutti i loro show. Nonostante le difficoltà, i tanti musicisti che si sono avvicendati e gli alti e bassi, grazie ad enormi sacrifici e sempre più con la voglia di proporre buona musica, il "Tributo ai Pooh" compie i suoi primi 10 anni. Compleanno migliore non si poteva festeggiare se non coronando il loro più grande sogno, suonare al cospetto dei loro beniamini. Questa possibilità è stata data dal concorso indetto per festeggiare il quarantennale dello storico complesso italiano dagli stessi 4 Pooh, per eleggere la POOH OFFICIAL TRIBUTE BAND 2006. Superate le selezioni nazionali, il gruppo parte alla volta di ponte di legno, dove si confronteranno con altre 9 band per la contesa del titolo. La finale del 10 Febbraio si conclude con un avvenimento storico, l'elezione dei Palasport come OFFICIAL POOH TRIBUTE BAND.

Subito dopo la vincita i Palasport per festeggiare pubblicano il nuovo design del sito con ogni sezione dedicata e ispirata ad un album dei Pooh rivisitato in versione Palasport -

 

 

 

  - Il 2007 si apre con l'entrata dei Palasport in uno dei Booking più conosciuti d'Italia, quello di Fabrizio Miscellaneo. Durante il Tour considerata la sempre più ampia mole di strumenti portata in concerto, i Palasport acquistano un proprio mezzo che, insieme al Tir del service (entrambi marchiati “Palasport”), permette loro di trasportare autonomamente e indipendentemente la loro strumentazione e viaggiare insieme al loro personale Staff tecnico. Si stringe maggiormente il rapporto con Telethon per il quale organizzano un concerto ad Adelfia (BA) a fine Tour per la raccolta di fondi di questa associazione. Al termine del Tour a causa di screzi protratti nel tempo con il Manager si decide di scindere il rapporto con lui conservando però lo stupendo rapporto venutosi a creare con il loro Booking.  -

 

 

 

- L'inizio dell'anno vede il compimento di mesi di progettazione nella realizzazione della riproduzione fedelissima del pianoforte bianco di Roby Facchinetti, presente sul palco dei Pooh dal 1986 ad oggi. 

Dopo più di due anni di ricerca e progettazione, i Palasport, giungono alla definitiva elaborazione di un complesso e accuratissimo lavoro: la riproduzione di un live storico dei Pooh "Palasport Tour Estate '82".

I Palasport, dunque, dopo aver ricercato ed acquistato per anni parte della strumentazione utilizzata in quel tour, strumenti vintage degli anni '70 e '80, compresi gli storici Tom a fusto rovesciato di Stefano D'orazio, riproducono fedelmente i costumi di scena utilizzati dai Pooh in quegli anni, le scenografie, le strutture, il disegno luci e il sound, fino ad ritirare fuori persino gli spettacolari lanciafiamme. La possibilità di mostrare in ambito nazionale il nuovo progetto viene data loro dall'esibizione nel programma "X Factor" su Rai Due, durante il quale mostrano in anteprima alcuni degli abiti di scena che caratterizzeranno il loro nuovo tour. -

 

 

 

  - Dopo essersi inventati, 4 anni fa, l'idea del "Tour Re-Generation" consistente nella ricostruzione effettuta da loro ogni anno di un particolare Tour dei Pooh, quest'anno i Palasport hanno ricostruito ed ambientato palco, Tour e grafiche con la versione teatrale del concerto "Ascolta". Comprensivo di pianoforte bianco a scomparsa, sezione centrale di Stefano D'orazio e "triangolo luminoso" riprodotto però dal loro tour estivo.

L'anno si conclude con l'allontanamento di Antonio causa i rapporti diventati tesi e la mancanza di partecipazione prolungata alla vita attiva del gruppo che non permetteva più di migliorare e crescere non condividendo mai le iniziative proposte dagli altri elementi. Al suo posto entra nella band Lorenzo un cantante dalle incredibili doti vocali, vincitore di "Re per una notte" con un 'interpretazione fuori dal comune di Roby Facchinetti dopo la quale lo stesso lo ha definito "Facchinetti 2..".-

 

 

 

  - L'anno inizia, con una presenza negli studi RAI al teatro delle vittorie durante la trasmissione "I RACCOMANDATI" insieme a Riccardo Fogli. Sempre con l'idea del "Tour Re-Generation" ricostruiscono il tour "Noi con voi" ed hanno la possibilità di mostrarlo direttamente ai loro beniamini suonando in un concerto durante la MOSTRA SULLA STORIA DEI POOH tenutosi al Palabam di Mantova durante il quale gli stessi Pooh salgono sul loro palco e duettano con loro con il brano che li ha visti vincitori del festival di Sanremo "Uomini soli".

Durante il tour a causa di problemi di lavoro si alternano alle tastiere Lorenzo e Emanuele. -

 

 

 

  - il quindicennale della band inizia al top, chiamati come ospiti per il Winter Rock Festival, i Palasport hanno l'onore di avere come ospite al loro concerto Roby Facchinetti, che oltre a seguire completamente lo spettacolo li presenta al pubblico come il loro Tributo Ufficiale indicando il maestoso lavoro di ricostruzione effettuato ogni anno nella preparazione dello spettacolo. Al termine del concerto è lo stesso Roby che chiede alla band la scaletta suggerendo particolari versione dei brani suonati l'utilizzo di suoni e rivolti agli accordi e lo spostamento degli stessi in funzione di una perfetta resa. Nel Regeneration Tour di quest'anno i Palasport scelgono la ricostruzione di un concerto che ha segnato un momento importante della storia dei Pooh, quello del loro 30° compleanno, il "The Best of Pooh" in modo da festeggiare egregiamente il loro 15° anno dalla prima formazione. Durante il Tour Lele comunica alla band la sua intenzione di appendere le bacchette al chiodo, e alla fine dello stesso iniziano delle lunghissime selezioni per la scelta del nuovo batterista.-

 

 

 

  - Dopo mesi e decine di batteristi provinati, viene ascoltato un promettente ragazzo, presentato dallo stesso Lele, che dalla prima prova mostra un incredibile conoscenza dei Pooh, un enorme talento batteristico ed una grandissima somiglianza in stile, movenze e voce al grande SDO. Senza pensarci due volte Cosimo entra immediatamente a pieno merito nella band portando un groove ed una scena che permette al sound complessivo un ulteriore avvicinamento a quello della band ispiratrice. Viene spolverato e portato in tour uno spettacolo già progettato nel 2007 ma messo da parte in attesa dell'anno giusto. -

 

 

 

FacebookTwitterYoutube

Vincitori del...

Ospitate televisive

Una raccolta delle presenze televisive dei Palasport

  Scopri tutto

Multimedia

Una raccolta dei migliori video e foto dei live dei Palasport

  Scopri tutto

Discografia

Una raccolta completa dei dischi dei Palasport

  Scopri tutto

Visit in Ladbrokes bingo information.

Home | Biografia | Pooh Official Tribute Band | TV | Sinfonica | In concerto | Media Gallery | Sempre più...Pooh | Ringraziamenti | Link | Contatti

La pubblicazione del materiale presente su questo sito è consentita solo citando la fonte: "sito internet ufficiale www.poohcoverband.it" (sul web con link attivo).

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo